Bonaventura Vol.1

Come salvadanai” è un brano che parla del prezzo della vita e che, a modo suo, attraversa come può questi tempi. Segue “Povera terra“, una dedica a coloro che hanno deciso di restare al sud senza però rassegnarsi al regime criminale. Un omaggio a chi ogni giorno deve fare i conti con la solitudine della periferia calabrese, tra le ingiustizie, i soprusi, l’abbandono.”Il cielo negli occhi” è una canzone sulla fratellanza perennemente minacciata  dall’egoismo, dall’odio e dall’individualismo. “Tropea“, brano nato sulle terrazze di Pizzo Calabro, è il risultato di un viaggio fatto nei primi di luglio lungo “la costa degli Dei” in Calabria. A concludere la prima parte dell’album di inediti “Puzza di pesce” , un brano che narra la rabbia e l’impotenza difronte ai crimini di un’Europa egoista e sempre di più “tana di talpe”. Con questi cinque brani si apre un nuovo capitolo dal titolo “Bonaventura“, (dal latino bona=buona e ventura=fortuna), un progetto in cerca di umanità. E allora “bonaventura” a chi sogna un mondo più libero e meno crudele, “bonaventura” a chi sta vivendo tempi difficili, “bonaventura” al futuro della Terra e alla presenza dell’uomo.

credits

Fisarmonica, chitarra e voce: Giuseppe Caruso
Prodotto e arrangiato da: Giuseppe Caruso
Recording, mixing and mastering: Giuseppe Caruso

Share Button