Smog, pubblicato il nuovo ep

Un disco per raccontare l’altra faccia del capitalismo, le conseguenze di un sistema che rivela la propria crudeltà e le persone che le vivono quotidianamente. E’ ciò che è racchiuso in Smog, il nuovo mini-album di Caruso, in uscita il 25 aprile in anteprima digitale su Bandcamp e in formato fisico sul sito ufficiale www.giuseppecarusoofficial.it. Il lavoro è stato anticipato dall’uscita dei due singoli: Smog, da cui l’album prende il nome, e Gravidanza.

 

Cinque tracce che narrano e descrivono un ecosistema in crisi e che tentano di dare voce agli esclusi, a quelle persone che non lo hanno scelto ma che ne sono vittime e dei loro tentativi di fuggirne, persone per cui il più delle volte il lieto fine non è contemplato.
Il mini-album si apre con “Smog”, elemento invisibile e dominante, la cui onnipresenza inebria ogni giorno le nostre vite e che può simbolicamente rappresentare la nube di illusioni materiali da cui siamo circondati e di cui ci circondiamo per riempire quotidianamente le nostre esistenze. Il tutto mentre dall’altra parte del mondo migliaia di persone si mettono in viaggio costrette a fuggire da contesti disumani, viaggio che viene raccontato in “Gravidanza”, dando voce a un narratore d’eccezione: il mare, traghettatore di speranze e molto più spesso testimone involontario di stragi di vite umane e di mancata accoglienza.
Segue “Riviera”, brano che descrive una barca fatta della speranza degli ultimi, barca che non possiede “né remi né vela per andar”, che non riesce a trovare un porto sicuro in cui attraccare e che continua a navigare in un mare di ingiustizie, come la ‘ndrangheta, la guerra, la povertà.
In “Africa Nera” invece l’autore cerca, senza pretese, di immaginare la vita e lo stato d’animo di quelle persone che riescono a fuggire dalla propria terra ma si ritrovano poi prigioniere in un paese straniero e ostile.
Il mini-album si chiude con “Senza benzina”, una ballata allegra e ironica sull’assurdità del controllo che il petrolio riesce ad esercitare sulle nostre vite e sull’affanno quotidiano nel tenere il passo in un sistema che accelera e consuma.
Emergono così due mondi diversi che sebbene possano sembrare lontani o contrapposti evidente resta la loro inevitabile e spietata connessione.
L’album è stato registrato in presa diretta, la scelta dell’autore deriva dalla volontà di ricreare in studio l’ambiente live, senza ricorrere ad effetti particolari e puntando a prediligere l’essenza del brano.
L’approccio minimalista degli arrangiamenti lascia esprimere i testi, il loro valore evocativo e il forte messaggio che intendono trasmettere all’ascoltatore.

Smog sarà seguito da un secondo mini-album dal titolo “Smog Chiral”, attualmente in lavorazione.

Tracklist:
1. Smog
2. Gravidanza
3. Riviera
4. Africa nera
5. Senza benzina

Press Officer
Teresa Panzarella

Share Button

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>